x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Nuova Ford Focus RS, la migliore hot hatch di sempre?

21 January 2016
Nuova Ford Focus RS, la migliore hot hatch di sempre?
I nostri colleghi inglesi hanno già messo le mani sul volante della Focus RS a trazione integrale. Diversa, innovativa, potente e tecnologica

È la terza generazione di Ford Focus RS, quella che cambia le regole finora applicate. Fino alla precedente, in tanti dicevano “troppi cavalli per una trazione anteriore” ma in genere questi non l’avevano guidata. Ad ogni modo, Ford ha deciso di fugare ogni dubbio, piazzando quattro ruote motrici sotto la nuova versione di Focus RS. I nostri colleghi di evo UK l’hanno già guidata affidandola alle mani di Dan Prosser quindi vi anticipiamo la loro impressione.

Sviluppata dal dipartimento Ford Performance fondato da poco, la Focus RS è per la prima volta un modello globale. Sarà disponibile solamente in versione 5 porte – un’altra primizia per il modello – e i prezzi partono da 38.500 euro.

Con 345 Cv e la trazione integrale, la RS si piazza fra le “super hot hatch”, popolata da esemplari come Audi RS3, Mercedes A45 AMG e Volkswagen Golf R. Quest’ultima è la rivale diretta della Ford, le abbiamo dato 5 stelle ma la RS sembra meglio equipaggiata, quanto basta per dare qualche preoccupazione alla tedesca, visto che costa meno e ha 50 Cv in più.

La prova

L’abitacolo della RS manca di quella sensazione da auto premium che hanno le tedesche ma non è certamente povera. I sedili sportivi standard offrono il massimo supporto ma quelli opzionali a guscio sostengono decisamente meglio e si adattano di più al contesto.

Guidando in modalità Normal risulta un po’ più morbida di quanto la Golf R appaia su strade come quelle spagnole dove si è svolto il nostro test. In modalità Sport, il motore fa tutta una serie di rumori, dal gorgheggio dell’aspirazione a scoppi e brontolii provenienti dallo scarico. Il motore da 2,3 litri non abbonda certo di carisma naturale ma ricordiamo che si tratta di un moderno quattro cilindri turbo. La risposta dell’acceleratore è decisa ed il motore spinge forte a tutti i regimi, con un picco a 4.000 e poi di nuovo nell’ultimo tratto fino al limitatore a 6.700 giri. La corsa del cambio fila via liscia e svelta.

Inizialmente il peso supplementare dello sterzo in modalità sportiva sembra inutile e tende a silenziare quel senso di connessione fra volante ed asse anteriore nei rettilinei. Quando cominci a dare qualche grado di sterzo ed a caricare peso sul telaio in curva, comunque, diventa molto più consistente e comunicativo. Insomma, non è guastato da quell’effetto plasticoso che rovina molti sterzi moderni.

Nuova Ford Focus RS, la migliore hot hatch di sempre?

Gli pneumatici Super Sport offrono aderenza quanto basta in curva, in particolare se si lavora con il freno, tanto che delle gomme più performanti potrebbero risultare eccessive su strada. In curva si percepisce anche un certo grado di rollio ma non per mancanza di controllo, quanto piuttosto per far capire quanto duramente stia lavorando il telaio.

La modalità più rigida delle sospensioni elimina la naturale duttilità e restituisce un feeling in verticale importante anche su strade lisce, quindi meglio tenerla per la pista. Inoltre, la modalità standard degli ammortizzatori offre sufficiente controllo che non si sente mai l’esigenza di irrigidire. Trovare così tanta trazione sull’asciutto, significa farsi sparare fuori dalle curve con questa RS senza alcuna sensazione di un posteriore che se ne va per conto suo (su bagnato, invece, questo tende a partire un po’).

Il bilanciamento naturale del telaio è chiaro, certo, ma il posteriore tende comunque a prendere vita in ingresso curva se si punta alla corda con cattiveria. Impostando così, se torni sul gas presto, con la trazione integrale trasformerai questo scivolamento leggero in un bel sovrasterzo di potenza, tutto con il permesso dell’ESC in modalità Sport. Un comportamento che convince: è esattamente ciò che ci aspettiamo da una trasmissione con un Haldex in mezzo. Significa che la RS è più giocosa ed entusiasmante delle altre vetture in questo segmento, l’unica che utilizza la trazione integrale per animare l’esperienza di guida, piuttosto che semplicemente per aggiungere trazione. I freni Brembo offrono molta potenza, tramite un pedale facilmente modulabile.

Nuova Ford Focus RS, la migliore hot hatch di sempre?

Anche quando su strade di montagnala temperatura di esercizio è salita, non ha mai mostrato di cedere. In modalità pista, con gli ammortizzatori nel loro assetto più rigido, la RS è agile e ben controllata anche fra i cordoli. Naturalmente dà il meglio con gli pneumatici Cup 2 che le danno un’enorme aderenza in curva. La trazione integrale unita a quelle gomme consente al pilota di fiondarsi fuori dalle curve a gas spalancato per affrontare il rettilineo successivo.

La modalità Drift può sembrare una sciocchezza ma se si trova comprensione fra i commissari di pista è davvero divertente, fantastica. Il trucco è portare l’auto leggermente in sottosterzo e poi darci dentro sul gas. Quindi l’auto parte disegnando un grande arco di traverso, con le ruote anteriori puntate sul cordolo fino alla fine del drift, dove conviene correggere in modo tradizionale per rimettersi dritti. È completamente diverso da un traverso di potenza di una trazione posteriore, perché non c’è bisogno di modulare l’acceleratore, le correzioni alla guida non sono così difficili ed il fulcro attorno cui si ruota sembra essere a 20 o 30 metri davanti all’auto, invece che al centro dell’auto stessa.

Le altre

Dove la RS perde rispetto a Golf R, RS3, A45 AMG è nell’appeal del marchio ma vince per il rapporto qualità/prezzo e coinvolgimento del guidatore.

Nuova Ford Focus RS, la migliore hot hatch di sempre?
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta