x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

La Lister Thunder cambia nome ma non riduce la cattiveria

3 August 2018
di Tommaso Ferrari
La Lister Thunder cambia nome ma non riduce la cattiveria
Rinominata LFT-666 conserva 675 cavalli e l'enorme V8 con compressore volumetrico

Difficile dimenticarsi della Lister Thunder, una Jaguar F-Type Coupè preparata dalla casa inglese per essere ancora più spaventosa e veloce, capace di una velocità massima di 330 km/h e un’accelerazione da 0 a 100 in soli 3,1 secondi. Ora però non dovremo più ricordarci della Thunder, ma della ‘LFT-666’, il nuovo nome che improvvisamente la Lister Motor Company ha deciso di dare a questa F-Type incattivita. Il motivo della scelta è stato giustificato spiegando che ‘Thunder’ era il nome del prototipo, e che quell’insieme di lettere e numeri sarà il nome ufficiale, anche se generalmente avviene il contrario, come ad esempio con la McLaren Speedtail, dove ad un codice si è sostituito un nome più orecchiabile. Nonostante la LFT-666 ora abbia una dicitura meno affascinante, la sostanza non cambia: il 5.0 litri V8 con compressore volumetrico eroga – come da sigla – 666 bhp (675 cavalli per noi italiani) e una mostruosa coppia, per prestazioni balistiche.

La Lister Thunder cambia nome ma non riduce la cattiveria

A migliorare il tutto, Lister ha voluto farsi perdonare per il cambio del nome apportando delle migliorie alla ex Thunder prima della messa in produzione: svariati pannelli ora sono in fibra di carbonio, riducendo di parecchio il peso della carrozzeria, mentre le sospensioni sono state ulteriormente affinate, così come l’aerodinamica e gli interni che hanno subito leggere modifiche. Le prime consegne avverranno all’inizio di Ottobre, con una produzione limitata a soli 99 esemplari per questa F-Type incattivita e pensata anche per essere lanciata in pista. L’aspetto resta molto drammatico, e a rendere tutto più teatrale ci penserà indubbiamente il sound del 5.0 litri sovralimentato. Che importa se sul retro leggerete una targhetta diversa, sarete già abbastanza distratti dall’esperienza dietro il volante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta