x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

La Volkswagen Polo GTI è tutta nuova, ma fedele alla tradizione

13 novembre 2017
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/36
    Più grande, più potente e più performante. Una nuova protagonista?

    Con giusto 8 Cv e 0.2 cc di cilindrata in più per il noto 2.0 litri EA888 di Golf GTI per un totale di 200 Cv, la nuova Polo GTI è una di quelle che non si sono piegate all'assurdità del downsizing. Questo anche perché dalla Golf GTI la nuova Polo GTI non eredita solo il motore ma la stessa piattaforma, salvo l'asse posteriore multi-link sostituito da una barra di torsione. Questo aspetto contribuisce a donarle un carattere tutto suo, che non significa assolutamente non possedere le qualità della sorellona, anzi.

    Versatilità in stile GTI, ma più agilità rispetto alla Golf

    La Volkswagen Polo GTI è tutta nuova, ma fedele alla tradizione

    Stando a Ralf Kölling, responsabile delle "piccole" Volkswagen, compresa la Polo GTI, è andata così: "Per lei è stato un bell'impegno trovare il giusto equilibrio. La Polo GTI deve poter essere guidata con il coltello fra i denti ma anche essere un'ottima vettura per l'uso quotidiano; devi poterla spremere ma anche sfruttare senza problemi lo start & stop; deve essere comoda ma... anche tosta. La Polo è più leggera, più corta e in un certo senso migliore della Golf perché più agile – per l'agilità ci vuole meno peso e un passo più corto. Per il feeling della prima Golf GTI c'è la Up!, ma per me la Polo è perfetta".

    Prima l'automatico, poi il manuale

    La nuova Polo GTI è più bassa di 15 mm grazie a molle più rigide del 38% all'anteriore e del 39% al posteriore e più rigida è anche l'intera auto, +28% per la precisione. L'XDS – quella specie di LSD che frena la ruota interna alla curva per migliorare la trazione – è standard. Optional gli ammortizzatori sportivi, selezionabili con apposita modalità di guida assieme a una differente mappa per acceleratore e sterzo con le modalità Normal e Sport. Cambio manuale e automatico, ma per Kolling non c'è storia: "Per alcuni, come me, esiste solo il manuale. Ma il mercato chiede il DSG. La macchina la costruiamo per i clienti, non per me". Tanto che la Polo GTI uscirà dapprima solo con l'automatico.

    Gli immancabili dettagli

    Come da tradizione con i modelli GTI (che Volkswagen conferma saranno appannaggio solo di Golf, Polo e Up), la “cattiveria” estetica della nuova Polo GTI è espressa sotto forma di piccoli dettagli come i consueti accenti rossi, le griglie a nido d’ape, il nero lucido di un estrattore appena accennato, il doppio scarico; i cerchi in lega di serie sono da 17”, ma si può optare per gli optional da 18”. Anche all’interno, tutto secondo tradizione con sedili tartan, leva del cambio tipo pallina da golf, volante tagliato nella parte inferiore, ma c’è la novità di un display da 8” con la nuova versione del Volkswagen Active Information.

    La Volkswagen Polo GTI è tutta nuova, ma fedele alla tradizione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta