x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

La Corvette ZR1 è la Vette più veloce di sempre

30 aprile 2018
di Tommaso Ferrari
Al circuito di Papenburg la ZR1 stabilisce il suo record personale

Recentemente la Corvette ZR1 non ha avuto un bel momento: il tentativo di record al Nurburgring non ha dato i risultati sperati visto il potenziale dell’auto, lasciando il team con un po’ di amaro in bocca, nonostante gli vada fatto un enorme applauso per la sua ammirevolissima dimostrazione di sportività (pare infatti che la Chevrolet abbia regalato mezz’ora della sua sessione in pista a Porsche per stabilire il suo record con la GT3). Nonostante ciò però, la ZR1 ha trovato rapidamente il modo di consolarsi stabilendo la velocità massima più alta mai registrata da una Corvette stradale, lungo il circuito ad alta velocità di Papenburg in Germania. L’enorme motore sovralimentato LT5 6.2 litri da 765 cavalli e 969 Nm di coppia è stato capace di far raggiungere alla Vette una velocità media di 341 km/h lungo le due direzioni (212 miglia orarie) con una punta massima di 346 km/h (215 mph), rendendola anche più veloce di moltissime supercar odierne, ibride e non. Anche le rimanenti prestazioni non sono per niente malaccio: da 0 a 100 sotto i tre secondi coprendo il quarto di miglio in 10,2 e producendo un arrabbiatissimo e rumorosissimo sound. Il fatto che la ZR1 sia così veloce è un bene, visto che per la quindicesima volta nella storia (dal 1978) la Corvette sarà la pace car ufficiale alla Indy 500. La capacità di tenere una media di 200 miglia orarie senza grossi sforzi sarà molto utile, e grazie al pacchetto aerodinamico ZTK (che prevede un massiccio alettone regolabile che aggiunge 430 chili di deportanza alla velocità massima) la Corvette non avrà problemi a farsi onore anche in curva. Il video mostra la scioltezza con cui la Vette raggiunge la sua velocità massima, ma se non volete accontentarvi potrete vederla all’opera il 27 Maggio, Domenica della Indy 500.

La Corvette ZR1 è la Vette più veloce di sempre
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta