x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Hyundai i30 N, ecco come va l'anti-Golf GTI

25 settembre 2017
  • Salva
  • Condividi
  • 1/17
    Figlia di un padre illustre ed esperto, la i30 N ha un grande sterzo, un ottimo handling ed è un ottimo affare

    di Steve Sutcliffe

    Lo stesso Albert Biermann – una delle menti dietro le migliori BMW M degli ultimi vent'anni – aveva ammesso di non sapere granché di trazioni anteriori sportive. Questo prima di essere assunto da Hyundai nel 2014. A tre anni di distanza, siamo al volante di una delle più intriganti hatchback del momento. Evidentemente, Biermann ha imparato qualcosa anche sulle trazioni anteriori sportive...

    La nuova Hyundai i30 N trae ispirazione da trazioni anteriori a dir poco feroci come Honda Civic Type R e Renault Mégane RS e punta ad essere una valida alternativa alla Volkswagen Golf GTI. Sulla carta non è particolarmente potente rispetto alle altre, con un 2.0 litri turbo da 275 Cv e 353 Nm di coppia (378 Nm disponibili in overboost per 18") e un'accelerazione nello 0-100 km/h pari a 6,1" e velocità massima di 250 km/h. Il cambio è un manuale a sei rapporti con scalata automatica.

    Hyundai i30 N, ecco come va l'anti-Golf GTI

    Non la solita Hyundai

    Noiosa? Per niente. Non è mica la Hyundai che vi aspettate. Primo, ha un vero differenziale che tiene incollati gli pneumatici anteriori in tutte le condizioni; secondo, il telaio è stato sviluppato per ottenere la massima precisione nelle modalità di guida più aggressive, ma anche un comfort eccellente; terzo, le Pirelli PZero che monta sono state sviluppate per lei e questo fa una grande differenza, anche se costa; quarto, i suoi ammortizzatori elettronici le permettono di fare cose che altre rivali non riescono nemmeno a concepire; quinto, quando schiacci il pulsante "N" sul volante suona da Dio.

    A proposito di modalità "N". Irrigidisce le sospensioni e, come dicevamo, interviene sulla colonna sonora, oltre che la mappa dell'ESP, dell'acceleratore e perfino del differenziale; la i30N è così assolutamente composta e affilata, in grado di affrontare qualunque tipo di superficie. E' cristallina e precisa nelle risposte, specialmente nel modo in cui entra e rallenta in curva, attende per un secondo e raccoglie tutta la potenza di cui dispone in uscita. E' bello anche come devi imparare come sfruttare il differenziale per ricavare il meglio dall'auto e per farlo devi poter avere fiducia nel tornare sul gas il prima possibile – quando lo fai, l'e-diff prende vita e, salvo l'essere entrato in curva a una velocità disastrosamente troppo elevata, gli pneumatici anteriori iniziano a mordere e la velocità di uscita aumenta esponenzialmente.

    Hyundai i30 N, ecco come va l'anti-Golf GTI

    Un signor telaio

    In altre parole, qui il motore ha un ruolo secondario rispetto al telaio, benché sia un ingrediente essenziale del cocktail. Insomma, fa il suo lavoro e lo fa piuttosto bene, senza però farti rizzare i peli del collo; c'è poco lag, la risposta del pedale dell'acceleratore è potente e pulita e la cavalleria sufficiente ad accendere lo show del telaio. Se avesse più potenza – diciamo sui 320 Cv – sarebbe ancora meglio. Ma chissà, forse un giorno... Per ora, è certamente una dimostrazione notevole della divisione N di Hyundai.

    Anche all'interno, la qualità è più che sufficiente e ci sono sedili sportivi elettrici e gingilli elettronici vari con cui giocare, fra cui cinque modalità di guida: eco, normal, sport, N e custom, l'ultimo dei quali è lì per permettervi di aggiustarvi su misura la i30 N come un buon abito di sartoria. Così, quando vi stancate di tutti quegli scoppi (tutti veri e non computerizzati, fra l'altro, come tiene a specificare Hyundai) e il desiderio di tirarle il collo in modalità "N" comincia a scemare, la puoi impostare in Normal e goderti l'ottimo assetto e la silenziosità di uno scarico capace di trasformarsi.

    Da noi, la Hyundai i30 N arriverà fra pochi mesi e costerà più o meno 32.000 Euro; a quel prezzo, è un ottimo affare considerato quanto offre, perché costa parecchio meno di rivali blasonate come Ford Focus RS e Honda Civic Type R e offre una qualità di guida alla loro altezza, anche più della rivale diretta in termini di prezzo Volkswagen Golf GTI.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta