x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Consigli per gli acquisti: Lotus Exige S1

11 ottobre 2017
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7
    La piccola vettura da corsa con la targa made in Hethel è ormai un classico. Non c'è molto da dire su di lei, va solo guidata. Forte.

    Tanto per cominciare, i finestrini sono manuali. E poi c'è la procedura di accesso al sedile, che ti regala la stessa dignità di appiccicarti sulla fronte dei francobolli e attendere il postino abbarbicato sulla buca delle lettere. Ma sai già che sarà uno spettacolo guidarla. Anzi, basta guardarla: la luce che accarezza quelle curve da vettura da corsa gruppo C sono un brivido lungo la spina dorsale, le sue proporzioni sono sublimi, ma è anche talmente piccola che potresti mettertela in tasca come un modellino 1:43. I dettagli sono perfetti, dall'airscoop allo splitter rivettato. E' un'icona, degna di una galleria d'arte.

    Consigli per gli acquisti: Lotus Exige S1

    Quando arrivò nel 2000, la accogliemmo con entusiasmo. Montava un Rover serie K di 1.8 litri in due versioni: 180 Cv base o il più desiderabile 195 Cv VHPD. Il peso era di appena 780 kg e, stando a quanto diceva Lotus, la deportanza a 160 km/h era pari a 100 kg. Una volta superata la portiera ed inscatolati in abitacolo, ci si trova felicemente alle prese con il panorama di una Elise prima serie, con il telaio in alluminio ben visibile, la strumentazione dritto davanti e, poco oltre, le curve dei passaruota. Il serie K si avvia con la stessa vitalità di un teenager in pieno dopo-sbornia e si posiziona su un bel minimo.

    Una volta in marcia, i sassolini iniziano a picchiettare contro i passaruota e si capisce subito che a lei questa cosa del traffico non piace: il motore sputazza e sbatacchia, l'acceleratore talvolta si blocca ai bassi regimi (un problema comune) e i freni non servoassistiti, freddi non servono a nulla. Vuole essere strapazzata.

    Quando la strada è libera e arrivano le curve, il motore sale felicemente di giri e riempie l'abitacolo; lo sterzo inizia a danzare nelle mani, con movimenti brevi ma insistenti, leggendo la topografia del manto stradale; è una sensazione strana, perché ciò che ti arriva dalla punta delle dita e il modo in cui lei si getta in curva seguendo l'input del volante sa di delicato e inerzia farcita di elio, ma il modo in cui vuole essere guidata – motore spremuto al massimo, grandi pressioni sul pedale del freno, grip mostruoso – sono tutto il contrario, sono brutali. E' una dicotomia in movimento.

    Su il piede dal gas per spostare il peso e poi giù subito di nuovo. C'è un filo di sottosterzo più di quanto ci si aspetterebbe e perfino un po' di sottosterzo in uscita, specie dove è umido, ma sei già completamente coinvolto e così eccitato che ti dimentichi di non essere un pilota di endurance. E' una buona scusa per continuare a guidare per ore e ore.

    Dove prestare attenzione

    I danni da incidente sono l'aspetto cruciale, dice Paul Matty, specialista Lotus. Perché il telaio in alluminio non può essere riparato e sostituirlo è... antieconomico. Molte Exige – come del resto quasi tutte le Lotus – sono state guidate in pista, perciò controllare il sottoscocca. Il resto è accademia: verificare i tagliandi, sperare in un proprietario attento che abbia sempre scaldato bene il motore e controllato con regolarità l'allineamento delle sospensioni. La storia della guarnizione della testa è una nota dolente non giustificata nella reputazione di questi motori, dice Matty: bisogna solo controllare sempre il livello del refrigerante e assicurarsi che non vi siano perdite. Tutto il resto non è particolarmente a rischio o particolarmente costoso. Il bello di una Lotus è anche questo.

    I prezzi

    Eh... La Lotus Exige S1 è ormai avvolta da un'aura mistica e non ne circolano molte. Vederne in strada una è una specie di miraggio e spesso non si tratta nemmeno di una vera Exige, ma di una Elise modificata. Se (se!) ne trovate una in vendita, vi possono chiedere anche 75.000 Euro. Il bello è che il proprietario medio di una Exige S1 è molto probabilmente un vero appassionato e il mercato Lotus è un mondo relativamente piccolo dove le informazioni circolano molto in fretta...

    Consigli per gli acquisti: Lotus Exige S1

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta