x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Consigli per gli acquisti: Ford Focus RS Mk2

1 dicembre 2017
  • Salva
  • Condividi
  • 1/19
    Pregi, difetti e prezzi della affascinante seconda generazione di Focus RS

    Poche altre hatchback hanno avuto un impatto grande quanto quello della Ford Focus RS di seconda generazione. Nel gennaio 2009 non colpiva tanto la sua potenza, quanto il suo aspetto, capace di mettere in ombra perfino certe sportive a motore centrale; per non parlare del carattere di quel cinque cilindri, nonché del raffinato lavoro alla base del suo poderoso telaio, in grado di incanalare alla perfezione tutta la potenza disponibile sulle ruote anteriori, con il torque steering tenuto a bada dalla sospensione "RevoKnuckle", un brevetto Ford e dal nuovo differenziale Quaife dall'intervento molto efficace. Il peso è di 1467 kg. Il motore, di base, è quello della Focus ST Mk2, ma il 2.5 litri è stato rivisto con nuovi pistoni, bielle e albero a camme, oltre all'introduzione del turbo Borg Warner K16, che raddoppia la pressione da 0.7 a 1.4. Intercooler maggiorato, aspirazione ottimizzata e nuovo sistema di scarico e nuova mappa motore completavano il pacchetto da 305 Cv a 6500 giri/min e 440 Nm di coppia fra 2300 e 4500 giri, accelerazione nello 0-100 km/h in 5.9" e velocità massima di 260 km/h. E come dimenticare la RS500, minacciosa edizione limitata nero opaco da 350 Cv con intercooler ed airbox maggiorati, nuovo scarico e mappa?

    Cosa controllare

    Consigli per gli acquisti: Ford Focus RS Mk2

    Stando a quelli di focusrsoc.com e a vari specialisti, quel cinque cilindri è piuttosto affidabile, perfino se portato ben oltre i 400 Cv. Ford consiglia interventi meno frequenti di quanto sarebbe necessario, quando secondo gli esperti bisognerebbe intervenire una volta l'anno, in particolare per le vetture elaborate.

    Un problema comune per le prime vetture sembra essere quello del collettore di aspirazione in materiale plastico che può anche letteralmente esplodere, un aspetto che Ford ha risolto con una nuova mappa in occasione di un richiamo per ben altro scopo (pare per un presunto pedale del freno troppo duro), ma le vetture elaborate vivrebbero meglio con un collettore metallico. La distribuzione si fa ufficialmente ogni 200.000 km o dieci anni, ma è meglio verificare prima del tempo. Perdite dalle guarnizioni degll'albero a camme sono abbastanza comuni e quando l'olio scende nella parte anteriore del motore può contaminare la cinghia, indebolendola. Una sostituzione delle parti in gioco, magari compresa la pompa dell'acqua, prevede una spesa di circa 700 Euro.

    Già che siamo in zona motore, tanto vale dare un occhio sotto, per eventuali perdite dal radiatore, che non è l'elemento più robusto. Lo sono, invece, cambio e differenziale, ma va verificata la frizione, anche perché la sostituzione richiede sulle cinque ore di manodopera; sostituire quella e volano costa circa 1600 Euro. Robuste sono anche le sospensioni, ma eventuali rumoretti possono provenire dalle boccole dei bracci inferiori. Verificare anche le condizioni degli pneumatici e relativo allineamento per un consumo corretto; le gomme di serie sono Michelin Pilot Super Sport.

    Non sembrano esserci problemi per la carrozzeria, salvo in zona passaruota dove può capitare di trovare della corrosione. Vernice ok, ma non pensate subito male se trovate differenze di colore fra i pannelli, in quanto Ford aveva avuto problemi allo stabilimento, in particolare nella produzione del verde Ultimate. Interni ok, giusto un'occhiata ai Recaro in pelle, che sembrano consumarsi prima del tempo. Qualche rumoretto di troppo, in particolare proveniente dalle portiere, può capitare ed è anche abbastanza difficile da localizzare.

    I prezzi

    Consigli per gli acquisti: Ford Focus RS Mk2

    Prendete con le pinze questo dato, ma dovrebbero essere circa 12.000 le Ford Focus RS di seconda generazione, compresi i 500 esemplari di RS500. Non è un'auto rara ma nemmeno così diffusa, specie in Italia dove gli esemplari in circolazione sembrano davvero pochi. Cosa che si riflette sui prezzi: per un buon esemplare è facile spendere 25.000 Euro, ma i proprietari più esigenti potranno chiedervene anche 30.000. Non parliamo delle RS500, rare e costose, ad almeno 40.000 Euro.

    Secondo noi, una cifra onesta per una vettura ancora fresca è di 22.000 Euro circa. Per la RS500, probabilmente, c'è poco da contrattare...

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta