x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Come sarà la nuova Toyota MR2?

7 agosto 2017
di Davide Saporiti
Come sarà la nuova Toyota MR2?
Proviamo a mettere insieme i pezzi. Ecco le chiacchiere che circolano attualmente

“Mid-engine”, “Rear-wheel drive”, “2” (posti). Cioé Toyota MR2. Una piccola e facile sportiva a motore centrale che è sempre piaciuta, tanto da evolersi in tre generazioni, dal 1984 al 2007. E che continua a piacere, tanto che, entro il 2020, dovremmo vedere la quarta.

Lo abbiamo capito in occasione di quella chiacchierata che abbiamo fatto con il capo di Gazoo Racing Tetsuya Tada al Salone di Ginevra, un'esperienza molto interessante che potremmo descrivere con il titolo: “Le tre sorelle”. Tre vetture iconiche per Toyota e per noi, cioé Celica, Supra e, appunto, MR2. Tre vetture che ritorneranno (o meglio, una è già tornata, la GT86 è una degna erede della Celica), a cominciare dalla Supra.

"Quella di mezzo"

Come sarà la nuova Toyota MR2?

Della futura Supra, che condividerà parecchio con BMW, abbiamo già parlato molto. Ma cosa si sa della terza sorella, la MR2? Bé, ciò che unisce le tre generazioni è prima di tutto, ovviamente, la collocazione del motore, che, molto probabilmente, rimarrà la stessa; lo stesso vale per le dimensioni, in quanto la MR2 dovrebbe rimanere fedele al concetto di sportiva a motore centrale economica; dovrebbe ereditare parecchio – dentro e fuori - dal design della cugina Lexus LF-A e, più probabilmente, dalla Supra, con un pizzico di GT86. Insomma: family design. Come dice Tetsuya Tada: “Esteticamente parlando, la quarta generazione della MR2 erediterà probabilmente parecchio dalla Lexus LFA e dalla imminente Supra, con un pizzico di GT86. Sono possibili, considerata la storia della MR2, versioni convertibili e targa”.

Ma cosa staranno architettando sul fronte motore? “La MR2 non è potenza pura, è leggerezza e handling. Quella potente, nella gamma Toyota, sarà la Supra” dice Tetsuya Tada. E ancora: “Quando la guidi, quello che cerchi è la corda della curva, non la prossima canzone alla radio”. Ma “La prossima MR2 non sarà un animale da pista: sarà civile quanto basta per un uso stradale”. Ciò, secondo alcuni, porta ad immaginare di nuovo un quattro cilindri sotto il cofano della nuova MR2, perché un sei cilindri sarebbe troppo grosso e oltretutto già destinato alla sorellona Supra; un quattro cilindri sovralimentato (turbo? Compressore? Chi lo sa) da circa 250 Cv che la collochi sopra la GT86 in termini di potenza pura, ma parecchio al di sotto della Supra, affidandole così il ruolo di “sportiva Toyota di mezzo” e, oseremmo dire, rivale di alcune blasonate a motore centrale. Continua Tada: “L’accelerazione e le performance in generale saranno adeguate, con uno 0 a 100 km/h in meno di 6” e una velocità massima di 250 km/h

L’ibrido? Possibile, ma poco probabile. In fondo, il ruolo di vettura innovativa dovrebbe essere riservato alla top di gamma Supra. Anche perché il peso, considerata la potenza in gioco, dovrà restare contenuto nella stima di 1200-1300 kg. Il prezzo? Anche quello, a metà fra GT86 e Supra, ma molto distante da quest’ultima; si vocifera di circa 45.000 Euro.

Come sarà la nuova Toyota MR2?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Tags

Sposta