x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Chi non sogna una 917 Stradale?

20 April 2018
di Tommaso Ferrari
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7
    A Monaco Claudio Roddaro è riuscito ad omologare per uso stradale una seconda Porsche 917

    Se non avete mai sentito parlare del Conte Gregorio Rossi di Montelera, ecco qua una brevissima lezione di storia. Imprenditore piemontese titolare della ‘Martini & Rossi’, sponsor Porsche, il Conte aveva una smodata passione per le auto, in particolare per una certa Porsche 917. Così, ad inizio primavera 1975, il centro di sviluppo di Weissach ricevette una strana telefonata da parte di un facoltoso italiano che voleva seriamente comprare la 917 numero 30 (l’ultimo) per convertirla ad uso stradale. Incredibilmente, la richiesta venne accettata. La 917 guadagnò silenziatori per lo scarico, specchietti retrovisori, vernice argento, targa di immatricolazione e persino un libretto d’uso e manutenzione, in caso il Conte dovesse trafficare intorno all’incredibile flat 12 raffreddato ad aria. L’italiano più felice del mondo e la sua nuova Porsche arrivarono a Parigi (dove la 917 avrebbe riposato) senza alcun intoppo qualche settimana dopo, se non fosse per i consumi esagerati e il tempo necessario a spiegare agli agenti della dogana che non stavano avendo un’allucinazione. Qualche giorno fa, tutto ciò si è ripetuto.

    Chi non sogna una 917 Stradale?

    A Monaco, Claudio Roddaro è riuscito a replicare l’impresa facendo targare la sua Porsche 917 sfruttando proprio il precedente del Conte di Montelera. Con il 95% di parti originali, le autorità hanno accolto la richiesta di Roddaro, che è riuscito a realizzare uno dei sogni segreti di ogni appassionato, rendendo stradale uno dei mostri più vittoriosi di sempre dotato di uno spettacolare 4.9 litri 12 cilindri boxer con oltre 600 cavalli per il ridicolo peso di neanche 800 chili; peraltro, la 917 è una delle auto da corsa più iconiche e belle mai prodotte, con un impatto visivo devastante. Guidare per le strade di Monte Carlo una vettura del genere – per quanto ‘addomesticata’ – deve essere tutto tranne che facile, ma anche una delle soddisfazioni più grandi che ci siano. Non abbiamo idea della cifra spesa da Roddaro (molto alta immaginiamo) e quanto userà la 917, ma calcolando che il Principato è praticamente un salone dell' auto a cielo aperto, siamo certi che questa straordinaria Porsche farà presto la sua comparsa davanti al Casinò.

    Chi non sogna una 917 Stradale?
    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta