x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Audi rilascia uno spot commovente

27 April 2018
di Tommaso Ferrari
Il marchio tedesco ci apre una speranza per il futuro con questo video

Mentre Tesla, Mercedes, perfino Google e numerosissimi altri marchi stanno investendo milioni se non miliardi di dollari in test, sistemi, e innovativi veicoli a guida autonoma… Audi ha preso leggermente le distanze. Intendiamoci, la casa degli anelli produce la A8, un’elegantissima e lussuosa berlina con un sistema di guida autonoma piuttosto avanzato (livello 3) che tiene testa ai migliori concorrenti nel settore, ma ha anche rilasciato una pubblicità dal sapore dannatamente nostalgico, che onestamente è anche commovente. Ambientato in un futuro si spera il più lontano possibile e girato da Craig Gillespie, il cortometraggio mostra un’enorme metropoli popolata da veicoli a guida autonoma che ti vengono a prendere, chiacchierano con te e ti preparano persino il caffè. Il protagonista del video – un certo David – nel parlare con Clara (una specie di Siri onnipresente) ricorda con tristezza i bei tempi passati, quando invece dei sedili posteriori, occupava l’unico importante, quello del guidatore. Così vediamo una vecchia Audi Quattro piena di amici, una TT Coupè lungo una strada immersa nei boschi e anche una R8 Spyder che veleggia su un percorso costiero. Tentando di far capire allo scatolotto artificiale come si sente, David spiega: ‘la guida non era solo essere trasportati da un posto ad un altro. Ma andare da qualche parte, sentire qualcosa di speciale lungo la via’. E qui, lacrime. Al suggerimento di Clara di rilassarsi, il protagonista si stufa parecchio e scappa in garage a risvegliare una vera auto, in questo caso l’Audi R8 Spyder V10 con la sua marea di cavalli e quel pazzesco sound dei dieci cilindri, pronto a riscoprire il piacere della guida. Questo spot è molto triste da un certo punto di vista, ma ci fa ben sperare in un futuro dove avremo la possibilità di tenerci le nostre passioni, guidando auto ancora ‘meccaniche’. Ecco, e magari un po’ più accessibili di una R8 Spyder.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta