x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Ammettilo: vuoi comprare una Lotus (usata)

12 ottobre 2017
a cura della redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/6 Exige S1
    Una piccola e veloce analisi del mercato dell’usato di un marchio che, bene o male, tutti abbiamo considerato in quanto appassionati della guida dura e pura.

    Ci si può nascondere dietro il solito, stucchevole pensiero del "si rompe, e chi si fida??", ma dentro molto di noi evoluti brucia il desiderio di possedere una piccola "baracca" fatta per guidare. Dopotutto, se sei veramente evo, il primo pensiero non sono i cavalli, ma il peso: Colin Chapman ha fatto di questa filosofia una leggenda e ancora oggi ad Hethel "add lightness" è un mantra.

    Ma come entrare nel mondo Lotus? A livello di quattrini, la base di partenza, di solito, è una Elise S2 da 120 Cv in discrete condizioni e piuttosto chilometrata; la richiesta per una Lotus di questo tipo non scende quasi mai sotto i 13.000/15.000 Euro. E' un prezzo paradossalmente più abbordabile di quello di una Elise S1, perché il purista Lotus la S2 non la può vedere... Potete comunque trovare a questi prezzi anche alcune S1, ma solo quelle messe maluccio, perché è lei la più amata dai puristi e in ottime condizioni sale tranquillamente ben oltre i 20.000 Euro (considerate che all’epoca, nel 1995, la prima Elise costava giusto 40 milioni di Lire). Un esemplare davvero in ordine può anche superare i 25.000 Euro.

    Le "Roverizzate"

    In entrambi i casi, parliamo di vetture dotate del longevo e chiacchierato motore Rover serie K, che, al contrario di quanto molti sostengono, è un motore affidabile che richiede solo la corretta manutenzione (e qualche accorgimento per correggerne i difetti congeniti); è un motore disponibile anche con 140 Cv o 160 Cv, come nel caso della 111S introdotta nel 1999, che oltretutto disponeva di un cambio a rapporti ravvicinati, gommatura maggiorata e altri miglioramenti. Anche per questa, se ne trovate una, è facile che vi vengano chiesti sui 25.000 Euro.

    Le "Toyotate"

    A partire da metà degli anni 2000 arrivano le prime Elise con motore Toyota, dai più considerato più affidabile del Rover, ma anche lui non privo di difetti, forse più per quanto concerne il cambio un po’ deboluccio; un buon esemplare di Elise R viene via a partire da 27.000 Euro circa, ma, se la trovate, magari spendete la stessa cifra per la meno potente ma più “ragionata” Elise S da 140 Cv, che eroga una coppia solo leggermente inferiore ma ad un regime molto più intelligente per l’utilizzo stradale.

    Siamo ormai ben oltre i 30.000 Euro quando cominciamo a considerare le Elise SC del 2008, per non parlare delle post 2011, quando è arrivato il restyling della S3; ma queste sono dotate di un compressore che eroga meglio la sua potenza. Volendo, c’è anche la 1.6 da 136 Cv.

    Voglia di Exige?

    Vogliamo parlare di Exige? Cominciamo da quelle “facili”: le Exige S2 aspirate da 190 Cv sembrano salite negli ultimi tempi, ora sembra difficile stare sotto i 30.000 Euro. Il fatto è che con 35.000 Euro non è impossibile trovare una buona Exige S 220 Cv e, dopo aver provato il compressore volumetrico, non si torna più indietro... Attorno ai 40.000 Euro si possono trovare le Exige S 240 Cv, magari con Performance Pack; per la più “preziosa” Exige 260 Cup (o la RGB) si viaggia facilmente a cavallo dei 50.000 Euro. Attorno ai 55.000 Euro abbiamo visto anche qualche nuova Exige S, la V6, ma sono occasioni rarissime: è troppo recente e, soprattutto, continua a vendere poco (per colpa delle nostre tasse, mica di Lotus).

    Un capitolo a parte per la Exige S1. Solo nominarla provoca brividi di piacere, perché è la più desiderata di tutte, la prima Exige di sempre, quella magari meno potente delle attuali ma così leggera, pura e circondata da quella magnifica aura tipica delle instant classic. Quella che ti compreresti lo stesso anche se hai già in casa una 260 CUP. Ebbene, ci vogliono anche più di 50.000 Euro per un esemplare in ottime condizioni. Sempre che lo troviate...

    E la Evora?

    La Lotus Evora è l’eccezione che conferma la regola... E’ universalmente riconosciuta come una vera Lotus ed è un’ottima automobile in grado di reggere il confronto con le concorrenti, Porsche Cayman compresa; il problema è che non gode di un blasone altrettanto potente. E’ il modello Lotus che soffre di più, anche se ad Hethel continuano a crederci, specie con la recente Evora 400.

    All’inizio, ha perso metà del suo valore in tre anni. La notizia positiva è che quel valore non è variato. Comprare oggi una Evora aspirata e manuale è un ottimo affare, specie se 2+2: per meno di 40.000 Euro avrete una valida anti-Porsche che non vi massacrerà il portafogli, anche se sfora il limite del superbollo di 30 Cv. Per la sovralimentata siamo ad almeno 50.000 Euro, specie se IPS.

    Lotus Europa, questa sconosciuta...

    Anni prima del debutto della Evora, nel 2005, il primo tentativo di Lotus di regalare agli appassionati una Elise più versatile fu l'Europa. Con il motore di 2.0 litri turbo da 197 Cv della Opel Speedster, voleva essere un'esperienza altrettanto affascinante, ma meno stressante ed esasperata. Doveva essere più comoda, accessibile, un passo verso il comfort senza rinunciare all'esclusività di una Elise. Ma il tentativo non funzionò, le vendite non decollarono mai e l'Europa finì nel dimenticatoio.
    Ma non è una cattiva auto, è solo un compromesso: non è né sexy e affilata come una Exige, né pura e semplice come una Elise. Il suo problema è che non è nemmeno una Evora (e quindi, all'epoca, una Cayman), il che la rende una via di mezzo che non accontenta né l'uno, né l'altro appassionato. Ma ha carattere. Se ne trovate una, strappate un ottimo prezzo e portatevela a casa. ​Il problema, però, è trovarne una: l'ultima che abbiamo visto era un ottimo esemplare in vendita a 28.000 Euro.

    L'alternativa? Opel Speedster

    I fighetti la definiscono "la Lotus dei poveri", ma la Opel Speedster non ha proprio nulla da invidiare alla blasonata cugina. Il telaio è lo stesso, il carattere e la purezza anche. Ne esistono due versioni, la 2.2 aspirata da 147 Cv e la 2.0 Turbo da 200 Cv. Il fatto che i puristi la considerino una "mezzosangue" le consentiva, almeno fino a qualche tempo fa, di posizionarsi in una fascia molto interessante del mercato dell'usato, a cifre decisamente inferiori a quelle di una Elise di pari condizioni. Negli ultimi tempi, invece, sembra aver subìto un'impennata, probabilmente dovuta alla solita bolla speculativa che sta sconvolgendo il mercato. Un venditore onesto, però, non vi chiederà più di 15.000 Euro ​per una 2.2. Quasi introvabile, invece, la Turbo, per cui aspettatevi una forte speculazione.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta